Il nostro cammino di squadra – Quaresima 2018


“Passiamo all’altra riva”: sono state queste le parole belle e significative che hanno accompagnato tutti gli alunni, le maestre e i genitori della scuola primaria durante la Quaresima da poco terminata. Seguendo Gesù, che decide di portare il suo annuncio
ovunque, anche noi ci siamo seduti con Lui sulla sua barca e abbiamo sfidato i venti e le tentazioni che potevano spegnere l’entusiasmo, la forza di affrontare il viaggio, il coraggio di sperimentare nuove avventure. Abbiamo lasciato che al timone di questa barca ci fosse Lui e così non abbiamo avuto paura. Prima di metterci in viaggio ci siamo assicurati che tutti gli alunni avessero gli strumenti adeguati per vivere il viaggio della Quaresima in preparazione alla Pasqua e sono stati, come ci ha suggerito la Chiesa: la PREGHIERA, l’ ELEMOSINA e il DIGIUNO.
Ogni giorno abbiamo pregato per ciascuno di noi e ci siamo impegnati a pregare anche per tanti altri bambini; abbiamo ascoltato i vangeli, che durante le domeniche di Quaresima vengono letti e, di settimana in settimana, ci siamo presi un piccolo impegno da vivere. Per vivere l’ elemosina, cioè l’attenzione agli altri, abbiamo messo in atto due bellissime iniziative: la prima è stata la vendita della focaccia della solidarietà ogni martedì e giovedì. Alcune mamme dell’Infanzia e della Primaria, hanno dato del tempo prezioso aiutandoci a vendere queste focacce e così, euro dopo euro, siamo riusciti a raccogliere molti soldi che abbiamo donato alla nostra associazione Maestra Elisa Onlus per le famiglie che hanno particolari bisogni.
La seconda iniziativa è nata dai nostri alunni delle quinte che, in maniera molto creativa, hanno confezionato dei bellissimi portachiavi scooby-doo preparandoli durante il tempo che avrebbero potuto impiegare nel gioco del dopo pranzo.
Da questa idea è nata quella di preparare dei braccialetti e così tutti al lavoro! I piccoli delle seconde hanno preparato quelli con dei bottoni, “allacciamo l’amicizia”, le quarte e le terze quelli con i ciondolini di varie forme e colori, i piccolini di prima si sono resi disponibili a fare da venditori di tutti questi braccialetti; un bel gioco di squadra!
Il nostro grazie sincero va a tutte le famiglie, magari ora hanno la casa piena di braccialetti, però in questo modo ci hanno sostenuti nell’ aiutare altre persone. Cercare di far vivere il digiuno è stato più
impegnativo, perciò abbiamo pensato di trasformare questa parola in desiderio di stare in compagnia di Gesù. Attraverso tanti piccoli segni la Sua presenza è stata più significativa.
Ecco i segni: un cartellone in portineria; un video con immagini e una canzone che scorreva mentre si entrava a scuola; la canzone del mattino: “Prenderemo il largo”; il momento tanto atteso della via crucis vissuta nel nostro parco da ogni singola classe; tutti i momenti di litigio o di fatica vissuti cercando di fare subito pace fra noi; i lavoretti di Pasqua che hanno voluto sottolineare il desiderio di portare il Signore Risorto in ogni famiglia; tanti altri momenti nascosti che, però, hanno fatto bene al nostro cuore e ci hanno permesso di arrivare alla Pasqua per dire che in Gesù vi è la Vita Vera. A conclusione del nostro percorso possiamo dirci anche quest’anno:
GRAZIE perché IL SIGNORE E’ RISORTO!
Gli alunni della Scuola Primaria
IMG_3212    IMG_3213